Respiro

14.07.15respiro

Un parte fondamentale, che però spesso viene poco considerata dai podisti amatori è il respiro. Imparare a respirare in maniera corretta fa sì che il sangue si ossigeni bene respirando profondamente con il naso, si favorisce lo scambio alveolare tra aria e ossigeno, con una ottimale ossigenazione del sangue che può rifornire i muscoli di energia. Un metodo efficacie per imparare a respirare correttamente è da fermi, sdraiati a pancia in su inspirando dobbiamo vedere il ventre gonfiarsi ed espirando ci dobbiamo sgonfiare tutto questo va eseguito per poche ripetizioni, una decina inizialmente poi gradatamente si passa alle venti ripetizioni questa è la respirazione diaframmatica, si può fare tutti i giorni , ovviamente per chi a patologie particolari o si accorge di avere dei problemi durante l’atto respiratorio dovrà consultare il proprio medico, ma nella normalità si ha invece un miglioramento sia sul piano fisico che mentale, questo perché si raggiunge uno stato di relax portando attenzione su se stessi. Una volta imparato da fermi si passerà a farlo durante la corsa, se si utilizza, il diaframma si ottimizza la resa dello sforzo e si riduce l’accumulo di acido lattico. Fermarsi un attimo quando abbiamo l’affanno durante l’allenamento senza pesare al respiro, basta rallentare un poco la velocità e riprendere il controllo della respirazione, inizialmente sarà difficile rimanere concentrati, ma con l’allenamento continuo diventerà un azione automatica.

Quando il respiro è affannoso anche la mente è instabile. Ma quando il respiro si calma anche la mente lo fa. Pertanto, si deve imparare a controllare il respiro.

Precedente Alba running Successivo Riposo